Aiuti di Stato. La Commissione approva il regime italiano da 50 milioni di euro a sostegno della produzione e fornitura di dispositivi medici durante la pandemia di coronavirus

Il 22 marzo la Commissione europea ha approvato un regime italiano di aiuti pari a 50 milioni di euro per sostenere la produzione e la fornitura di dispositivi medici.

NeiI dispositivi medici rientrano:

  • ventilatori
  • dispositivi di protezione individuale, come mascherine, occhiali, camici e tute di sicurezza.

Questo regime, approvato a norma del quadro temporaneo in materia di aiuti di Stato a sostegno dell'economia nel contesto dell'epidemia di COVID-19, mira ad aiutare l'Italia a fornire le cure mediche necessarie alle persone infettate, proteggendo al tempo stesso gli operatori sanitari e i cittadini.

Nell'ambito del regime possono  avvalersi del sostegno le imprese di qualsiasi dimensione che:

  • istituiscono nuovi impianti per la produzione di dispositivi medici e di protezione individuale;
  • amplino la produzione delle loro strutture esistenti che producono questi dispositivi;
  • convertono la loro linea di produzione in tal senso.

I beneficiari del sostegno dovranno poi mettere i prodotti a disposizione delle autorità italiane ai prezzi di mercato applicati in dicembre 2019, cioè prima dello scoppio dell'epidemia in Italia.

L'aiuto è erogato sotto forma di sovvenzioni dirette o anticipi rimborsabili; questi ultimi saranno convertiti in sovvenzioni dirette se i beneficiari forniscono alle autorità italiane i dispositivi in tempi stretti.

Il regime vuole garantire un sostegno rapido e adeguato alle imprese disposte a produrre e fornire dispositivi medici e di protezione individuale, e a incentivare la produzione rapida e la consegna tempestiva di questi prodotti essenziali.

Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e su altri interventi adottati dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus sono disponibili sulla pagina web dedicata della Commissione europea.