DCI II - Strumento di cooperazione allo sviluppo. Bando "Schema di mobilità accademica intra-africana 2020"

Scade il 19 maggio 2020, l'invito a presentare proposte "Schema di mobilità accademica intra-africana 2020", pubblicato nell'ambito del programma Pan-africano (DCI II - strumento di cooperazione allo sviluppo).

 

Il programma di mobilità accademica intra-africana, un'iniziativa congiunta dell'Unione africana e dell'Unione europea, è stato attuato sotto gli auspici del partenariato panafricano.
L'obiettivo generale del programma è migliorare lo sviluppo del capitale umano in Africa, rafforzando al contempo la collaborazione intra-africana come richiesto dall'Agenda 2063.
 
Gli obiettivi specifici del programma sono:

  • aumentare l'occupabilità degli studenti;
  • migliorare la qualità dell'istruzione superiore in Africa e la sua rilevanza per la visione di sviluppo dell'Africa;
  • rafforzare la modernizzazione e l'internazionalizzazione degli istituti di istruzione superiore africani e promuovere lo sviluppo di uno spazio di ricerca e istruzione superiore africano.

Tenendo conto delle priorità della strategia UA-UE e dei quadri continentali UA, il presente invito è aperto ai seguenti campi tematici di studio:

  • Agricoltura e sicurezza alimentare
  • Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM) e informazione e Tecnologia delle comunicazioni (TIC)
  • Economia, affari, finanza
  • Scienze della formazione
  • Scienze della salute
  • Ambiente.

 
La mobilità, che è limitata esclusivamente ai Paesi dell’Africa ammissibili, dovrebbe favorire l’acquisizione di conoscenze e competenze più solide e contribuire a migliorare la qualità e la rilevanza dell’insegnamento e dell’apprendimento.
 
Gli IIS europei possono partecipare a un progetto esclusivamente in qualità di partner tecnici. Una proposta progettuale deve essere presentata da un partenariato costituito da minimo quattro e massimo sei IIS africani in qualità di partner (compreso il richiedente) e da un partner tecnico dell’UE (in possesso di una carta Erasmus per l’istruzione superiore). Gli IIS africani devono provenire da almeno 3 diverse regioni geografiche dell'Africa e il partenariato non può comprendere più di due partner dello stesso Paese.
 
Il partner tecnico ha il compito di fornire un sostegno nella gestione del partenariato e nell’organizzazione e attuazione della mobilità pertanto deve possedere una notevole esperienza nella gestione di flussi di mobilità. I suoi compiti e responsabilità devono essere dettagliati nella proposta di progetto così come il tipo e il costo dei servizi che fornirà. I costi della sua partecipazione al progetto devono essere compresi nei costi relativi all'organizzazione della mobilità ma esso non potrà ospitare né inviare in mobilità né studenti né personale.
 
Gli IIS ammissibili in qualità di partner o di proponente/coordinatore sono quelli che erogano corsi d’istruzione post-laurea (master e/o dottorato) atti a conferire una qualifica riconosciuta dalle autorità competenti nel proprio paese, registrati in Africa e accreditati dalle autorità nazionali competenti in Africa.
 
Il budget disponibile per il bando ammonta a 9.800.000 euro che finanzieranno 7/8 proposte progettuali che dovrebbe garantire all’incirca 350 flussi di mobilità; il valore della sovvenzione per ogni progetto sarà compreso fra 1.000.000 e 1.400.000 euro.
 
Per maggiore informazioni consultare il sito dell''EACEA.

 

Data : 
19 Febbraio, 2020
Data fine: 
19 Maggio, 2020