Funzione europea di stabilizzazione degli investimenti 2021-2027 (proposta)

Azioni: 

La Funzione europea di stabilizzazione degli investimenti contribuirà a stabilizzare i livelli di investimenti pubblici e ad agevolare una rapida ripresa economica in caso di shock economici importanti negli Stati membri della zona euro e nei paesi che partecipano al meccanismo europeo di cambio (ERM II). Questa funzione integrerà il ruolo degli stabilizzatori automatici nazionali esistenti. Secondo criteri rigorosi di politiche macroeconomiche e fiscali solide, i prestiti fino a 30 miliardi di euro possono essere mobilitati rapidamente insieme ad un contributo in conto interessi per coprirne il costo.

 

La nuova funzione integrerà gli strumenti esistenti a livello nazionale ed europeo sia per prevenire l'insorgere delle crisi, anche attraverso il semestre europeo e i corrispondenti finanziamenti dell'UE, sia per affrontare le situazioni di dissesto finanziario, attraverso il meccanismo europeo di stabilità e il sostegno alla bilancia dei pagamenti.

 

In caso di ampi shock asimmetrici, questa funzione:

  • fornirà fino a 30 miliardi di euro di prestiti back-to-back garantiti dal bilancio dell'UE: per ridurre al minimo i rischi di azzardo morale, gli Stati membri dovranno soddisfare rigorosi criteri di ammissibilità basati su solide politiche di bilancio e macroeconomiche. I prestiti forniranno un sostegno finanziario aggiuntivo nel caso in cui le finanze pubbliche siano sotto pressione; il loro obiettivo dovrebbe essere il mantenimento degli investimenti pubblici che favoriscono la crescita, che a loro volta consentono di preservare i posti di lavoro di un maggior numero di persone e favoriscono una ripresa economica più rapida;
  • comprenderà una componente di sovvenzione a copertura dei costi per interessi: sarà istituito un nuovo Fondo di sostegno alla stabilizzazione per raccogliere i contributi degli Stati membri equivalenti a una quota del reddito monetario generato dalle attività che detengono in cambio delle banconote che forniscono (comunemente detto “signoraggio”). Le entrate di questo Fondo saranno assegnate al bilancio dell'UE per fornire i contributi in conto interessi agli Stati membri ammissibili. I contributi in conto interessi sono importanti per rendere lo strumento significativo dal punto di vista finanziario.

Come stabilito nel dicembre 2017, questa funzione di stabilizzazione può essere integrata nel corso del tempo da ulteriori fonti di finanziamento esterne al bilancio dell'UE, e un ruolo in tal senso potrebbe essere svolto dal meccanismo europeo di stabilità o dal futuro Fondo monetario europeo e da un eventuale meccanismo di assicurazione volontaria istituito dagli Stati membri. Anche il Fondo di sostegno alla stabilizzazione può fungere da strumento in tale contesto.

 

Le caratteristiche principali saranno:

  • Integrare gli strumenti esistenti a livello UE e nazionale per assorbire gli  shock.
  • Aiutare a mantenere i livelli degli investimenti pubblici in caso di ampi shock asimmetrici.
  • Contribuire alla stabilità macroeconomica e finanziaria.
  • Attivazione in maniera rapida e automatica in caso di ampi shock asimmetrici sulla base di parametri predefiniti.
  • Contribuire a una politica di bilancio sana e riduce al minimo l’azzardo morale tramite criteri di ammissibilità predefiniti.
  • Apertura agli Stati membri della zona euro e agli Stati membri non appartenenti alla zona euro che partecipano al meccanismo di cambio ERM II.
  • Integrazione nel corso del tempo con ulteriori risorse finanziarie esterne al bilancio dell’UE.

 

Paesi partecipanti: 
Obiettivi: 

La proposta rientra in un programma più ampio volto ad approfondire l'Unione economica e monetaria dell'Europa e a usare il bilancio dell'UE per migliorare le prestazioni e aumentare la resilienza delle nostre economie interdipendenti.

 

La proposta di istituire una Funzione europea di stabilizzazione degli investimenti mira a proteggere gli investimenti pubblici in caso di ampi shock asimmetrici e a favorire la ripresa dell'economia in tempi brevi. Come hanno mostrato gli anni della crisi, i meccanismi di stabilizzazione esistenti a livello nazionale possono non essere sufficienti ad assorbire alcuni shock macroeconomici e vi sono spesso rischi di ripercussioni negative in altri paesi, con effetti particolarmente dannosi sui livelli degli investimenti e sull'economia reale. 

Beneficiari: 
Finanziamento: 
Altre scadenze: 
Durata: 

2021-2017

Documentazione: 

Brochure in lingua italiana
Proposta di regolamento della Funzione europea di stabilizzazione degli investimenti

Tipo programma: 
2021-2027