Progettazione, realizzazione, promozione e commercializzazione di itinerari turistici accessibili. Pubblicato il bando

Scade il 22 ottobre l'invito a presentare proposte, pubblicato sul sito web Direzione Generale "Impresa e Industria" della Commissione europea per la progettazione, realizzazione, promozione e commercializzazione di itinerari turistici accessibili.

L'identificativo dell'invito è: 102/G/ENT/PPA/13/511.

Il termine "Turismo Accessibile" comprende i servizi turistici rivolti a tutti, soprattutto alle persone con bisogni speciali di accesso, cioè le persone con disabilità, ma anche persone con mobilità limitata (a causa di disabilità o non), come, per esempio, persone con le stampelle, o anziani, e tutte le persone che possono beneficiare di servizi maggiormente accessibili, come i viaggiatori che trasportano bagagli pesanti, i genitori che spingono carrozzine, ecc.
 
Ai fini del presente bando, "itinerari di turismo accessibile" comprende combinazioni o pacchetti di servizi turistici diversi: da quelli essenziali, (come ad esempio l'ospitalità, ristorazione, informazioni, prenotazioni, trasporti locali, attività e attrazioni, ecc.) a quelli più sofisticati e vari (ad esempio diversi tipi di servizi di ospitalità, diversi tipi di attrazioni e attività - eco-itinerari, percorsi gastronomici, turismo subacqueo, ecc.).
 
La caratteristica principale di questi itinerari è che ogni elemento nel pacchetto deve fornire servizi di "Turismo accessibile" e garantire al contempo una perfetta e accessibile esperienza al potenziale viaggiatore.

Gli obiettivi specifici di questo invito sono:

  • favorire l'adattamento di prodotti e servizi turistici alle esigenze delle persone con bisogni speciali di accesso;
  • promuovere le pari opportunità e l'inclusione sociale delle persone con bisogni speciali di accesso;
  • migliorare le competenze e la formazione, con relazione all'accessibilità nella filiera del turismo;
  • aiutare la diffusione del concetto di accessibilità in tutti i segmenti della filiera del turismo, e allo stesso tempo la creazione di una catena ininterrotta di accessibilità nel turismo;
  • promuovere, commercializzare e diffondere le migliori pratiche nel turismo accessibile;
  • fornire assistenza e orientamenti adeguati alle PMI;
  • migliorare la qualità e diversificare l'offerta di esperienze di turismo accessibile in Europa.
     

Le proposte dovranno occuparsi della progettazione, realizzazione, promozione e commercializzazione di itinerari di turismo accessibile, con il giusto rapporto qualità-prezzo.
 
Il partenariato deve essere formato da almeno quattro PMI che agiscono nel settore del turismo, con almeno 2 anni di attività, in uno dei seguenti settori:

  • ricettività turistica;
  • ristorazione;
  • agenzie di viaggio e tour operator;
  • attrazioni per il tempo libero;
  • trasporti in materia di turismo;
  • altri settori del turismo sulla base della loro rilevanza per la proposta di progetto.
  •  

Almeno uno dei candidati deve essere:

  • un Ministero, responsabile del turismo e/o dello sviluppo regionale o di qualsiasi altra area inerente l'oggetto della proposta;
  • un'organizzazione turistica nazionale (NTO ) responsabile della promozione turistica nazionale, a condizione che il Ministero affidi ufficialmente a questa NTO la realizzazione del progetto;
  • una autorità governativa pubblica regionale o locale (ai fini del presente bando, un autorità governativa pubblica regionale o locale, è considerato come: regione, provincia, reparto, comune, provincia, consiglio comunale, comune);
  • una rete o un'associazione di autorità governative pubbliche regionali o locali.

 
Possono partecipare anche:

  • istituti di istruzione o di formazione accademica
  • Camere di commercio e dell’industria, camere dell'artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello;
  • enti no-profit/non-governativi, organizzazioni della società civile, fondazioni;
  • think-tank, organizzazioni di disabili e di volontariato;
  • associazioni ombrello, reti o federazioni di enti pubblici o privati, la cui attività rientra nei seguenti settori: turismo, sviluppo regionale o qualsiasi altro campo strettamente connesso con l'oggetto della proposta;
  • associazioni internazionali, europee e le organizzazioni/associazioni nazionali attive nel campo del turismo e settori collegati
  • imprese (e loro organizzazioni / federazioni ombrello ) che agiscono nel settore del turismo

 
Il budget destinato al seguente invito è di 950.000 euro. Il contributo può coprire fino al 75% delle spese ammissibili, per un massimo di 125.000 euro.
Ulteriori informazioni sono disponibli sul portale Europa.

Data : 
13 Settembre, 2013
Data fine: 
22 Ottobre, 2013