Programma Congiunto Ambient Assisted Living. Sesto invito a presentare proposte

Il 30 aprile 2013 scade il sesto invito a presentare proposte pubblicato nell'ambito del Programma Congiunto Ambient Assisted Living.

Il 30 aprile 2013 scade il sesto invito a presentare proposte pubblicato nell'ambito del Programma Congiunto Ambient Assisted Living.
Il Programma Ambient Assisted Living (AAL) mira a fornire soluzioni innovative per gli anziani basate sulle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC), in particolare prodotti, sistemi o servizi innovativi in linea con le esigenze degli utenti finali. La Direzione Generale Connect della Commissione europea è uno dei partner dell'iniziativa.
 
L’obiettivo principale di questa zione è migliorare la qualità della vita, l'autonomia, la partecipazione alla vita sociale e l'occupabilità delle persone anziane; il miglioramento dei servizi e la riduzione dei costi delle cure sono obiettivi secondari.

Il presente invito mira a promuovere lo sviluppo di soluzioni basate sull’ICT che consentono gli anziani di continuare a gestire la propria attività - in un ufficio, in fabbrica o in qualsiasi ambiente di lavoro, che si tratti di lavoro retribuito o volontariato, comprese le attività sociali - preservando la salute e la motivazione a rimanere attivi.
 
Possono beneficiare di una sovvenzione.

  • le imprese
  • le università
  • i centri di ricerca secondo la decreto 593/2000 del MIUR.

aventi stabile organizzazione nel territorio nazionale. I beneficiari devono essere organizzati in consorzi composti da un minimo di 3 fino a un massimo di 10 partner, provenienti da 3 stati diversi partecipanti al Programma AAL.

Il budget comunitario a disposizione per il presente invito è di 41.762 milioni di euro complessivi, di cui 1.1 milioni di euro dall'Italia.

La data di scadenza per la presentazione delle proposte è il 30 aprile 2013.
 
Ogni paese europeo, aderente al programma AAL, finanzierà i propri partecipanti, se partner di progetti vincenti, secondo le regole nazionali. La Commissione Europea, tramite l'associazione AAL, trasferirà i finanziamenti Europei all'agenzia nazionale in relazione al finanziamento nazionale. I costi (sostenuti dai partner  italiani) per attività di Ricerca industriale devono essere sempre maggiori di quelli per attività di Sviluppo sperimentale. I costi sostenuti dai partner pubblici (università, enti ed organismi di ricerca) devono essere inferiori a quelli sostenuti dai partner privati.
 
Il finanziamento copre il 50% delle spese ammissibili.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web dedicato all'iniziativa.
 

Data : 
1 Marzo, 2013
Data fine: 
30 Aprile, 2013