Programma Hercule II . Invito a presentare proposte per attività di formazione, conferenze e seminari - parte legale (scadenza 30/09/2010)

Sulla base della decisione del Consiglio e del Parlamento europeo 804/2004/ EC del 21 aprile 2004, che stabilisce un programma di azione comunitario per promuovere attività nel campo della protezione degli interessi finanziari della Comunità (Programma Hercule), l'Ufficio europeo per la Lotta Antifrode (OLAF) ha pubblicato questo bando al fine di cofinanziare seminari, studi comparativi, misure per la divulgazione di conoscenze e competenze ed un incontro annuale dei presidenti delle associazioni, per promuovere e migliorare la protezione degli interessi finanziari della Comunità.

La Commissione spera di stimolare la discussione su argomenti legati alla strategia antifrode, in particolare:

  • sviluppo futuro di OLAF (analisi delle esperienze passate e previsioni future);
  • aspetti legali di cooperazione tra OLAF e le agenzie nazionali antifrode, incluse autorità giudiziarie, politiche e doganali
  • disposizioni amministrative e legislative legate alla lotta antifrode negli Stati membri, in particolare controlli e sanzioni sull'IVA tra Paesi comunitari e cooperazione tra autorità fiscali e giudiziarie su indagini antifrode;
  • disposizioni amministrative e legislative legate alle indagini OLAF, con particolare attenzione alle garanzie procedurali;
  • disposizioni amministrative e legislative in campo di prevenzione delle frodi, in particolare la creazione di liste nere e procedure di preavviso;
  • sanzioni e termini di prescrizione:
  1. studi comparativi dell'impatto dei termini di prescrizione sulla protezione del diritto penale di prescrizione per il recupero;
  2. sanzioni amministrative, disciplinari e penali e la relazione delle procedure da applicare nel rispetto degli stessi fatti relativi alle pene amministrative nelle procedure penali e viceversa;
  • regole nazionali e/ o comunitarie sulla valutazione della dimensione finanziaria della frode contro gli interessi finanziari comunitari e la ripresa degli assetti;
  • meccanismi per facilitare l'accumulo di prove, prima e dopo l'indagine e durante il processo, e in particolare le diverse forme di denuncia volontaria;
  1. previsioni del diritto penale comunitario sulla protezione degli interessi finanziari comunitari:
  2. ripresa degli assetti;
  3. responsabilità degli imprenditori in un contesto comparativo di diritto penale;
  4. coinvolgimento dei funzionari europei e nazionali;
  • utilizzo di scambi di informazioni su sospette transazioni con fini antifrode;
  • segretezza bancaria, fiduciaria e fiscale e effettiva assistenza riguardo alla criminalità economica;
  • strutture transnazionali e responsabilità civile e penale per reati finanziari;
  • la lotta contro la frode nel quadro delle procedure di appalto.

La durata dell'azione non può superare i 9 mesi. Nel caso di studi comparativi la durata non può
eccedere i 15 mesi.

Il presente bando è destinato a soggetti sotto forma di associazioni:

  • amministrazioni nazionali o regionali di uno Stato membro, di uno Stato entrante o candidato, che promuovono il rafforzamento delle azioni comunitarie nel campo della protezione degli interessi finanziari della Comunità;
  • istituti di ricerca che hanno personalità giuridica da almeno un anno e sono stabiliti o operanti in uno Stato membro, di uno Stato entrante o candidato, che promuovono il rafforzamento delle azioni comunitarie nel campo della protezione degli interessi finanziari della Comunità;
  • enti no- profit che hanno personalità giuridica da almeno un anno e sono stabiliti o operanti in uno Stato membro, di uno Stato entrante o candidato, che promuovono il rafforzamento delle azioni comunitarie nel campo della protezione degli interessi finanziari della Comunità.

Il budget totale a disposizione è di 300,000 euro, più i fondi rimasti inutilizzati dal primo termine di scadenza del bando (31 maggio 2010).

Le sovvenzioni saranno concesse per ogni progetto fino a:

  • 50,000 EUR per seminari di un giorno;
  • 100,000 EUR per seminari di due giorni;
  • 300,000 EUR per studi comparativi;
  • 25,000 EUR per la divulgazione di conoscenze e competenze;
  • 60,000 EUR per la pubblicazione e distribuzione di una rivista periodica da parte delle associazioni per un anno;
  • 45,000 EUR per l'incontro tra i presidenti delle associazioni.

OLAF finanzierà fino a un massimo del 90% delle spese totali ammissibili.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 30 settembre 2010.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del programma.

Tag: