Programma spaziale dell'UE 2021-2027 (proposta)

Azioni: 

Relativamentre all'accesso allo spazio il programma sostiene:

  • la fornitura di servizi di lancio per le esigenze del programma;
  • lo sviluppo di attività legate a un accesso allo spazio autonomo, affidabile ed efficiente in termini di costi;
  • ove necessario per rispondere alle esigenze del programma, i necessari adeguamenti dell'infrastruttura spaziale di terra.

Relativamente alle azioni a sostegno di un settore spaziale innovativo dell'Unione, il programma sostiene:

  • le attività di innovazione per utilizzare al meglio le tecnologie, le infrastrutture o i servizi spaziali;
  • l'istituzione di partenariati per l'innovazione spaziale al fine di sviluppare prodotti o servizi innovativi e acquistare successivamente le forniture o i servizi che ne risultano;
  • l'imprenditorialità, dalle fasi iniziali a quelle di espansione;
  • la cooperazione tra imprese sotto forma di poli spaziali che riuniscono, a livello regionale e nazionale, gli operatori dei settori spaziale e digitale, nonché gli utenti, e che forniscono sostegno a cittadini e imprese per favorire l'imprenditorialità e le competenze;
  • la fornitura di attività di istruzione e di formazione;
  • l'accesso a strutture di elaborazione e di prova;
  • le attività di certificazione e normazione.
Paesi partecipanti: 

Stati membri dell'UE

 

Paesi terzi e organizzazioni internazionali associati al programma

 

Le componenti del programma, ad eccezione dell'SST e di GOVSATCOM, sono aperte ai seguenti paesi terzi:

  • i membri dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) che sono membri dello Spazio economico europeo (SEE), conformemente alle condizioni stabilite nell'accordo SEE;
  • i paesi in via di adesione, i paesi candidati e potenziali candidati, conformemente ai principi e alle condizioni generali per la loro partecipazione ai programmi dell'Unione stabiliti nei rispettivi accordi quadro e nelle rispettive decisioni dei consigli di associazione o in accordi analoghi, e conformemente alle condizioni specifiche stabilite negli accordi tra l'Unione e tali paesi;
  • i paesi interessati dalla politica europea di vicinato conformemente ai principi e alle condizioni generali per la partecipazione di tali paesi ai programmi dell'Unione stabiliti nei rispettivi accordi quadro e nelle rispettive decisioni dei consigli di associazione o in accordi analoghi, e alle condizioni specifiche stabilite negli accordi tra l'Unione e tali paesi.

Le componenti del programma, ad eccezione dell'SST, sono inoltre aperte a qualsiasi paese terzo o organizzazione internazionale, conformemente alle condizioni stabilite in uno specifico accordo che comprenda la partecipazione del paese terzo o dell'organizzazione internazionale a qualsiasi programma dell'Unione, a condizione che l'accordo:

  • garantisca un giusto equilibrio tra i contributi e i benefici per il paese terzo o l'organizzazione internazionale che partecipa ai programmi dell'Unione;
  • stabilisca le condizioni per la partecipazione ai programmi, compreso il calcolo dei contributi finanziari ai singoli programmi e i rispettivi costi amministrativi;
  • non conferisca al paese terzo o all'organizzazione internazionale poteri decisionali riguardo al programma;
  • garantisca all'Unione il diritto di assicurare una sana gestione finanziaria e di proteggere i propri interessi finanziari.

Le componenti del programma sono aperte unicamente ai paesi terzi e alle organizzazioni internazionali di cui sopra a condizione che siano preservati gli interessi essenziali di sicurezza dell'Unione e degli Stati membri.

 

Accesso a SST, GOVSATCOM e PRS da parte di paesi terzi o organizzazioni internazionali

  • I paesi terzi o le organizzazioni internazionali possono diventare partecipanti GOVSATCOM o ottenere l'accesso ai servizi forniti dall'SST solo qualora, in conformità alla procedura di cui all'articolo 218 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, essi stipulino un accordo che stabilisca i termini e le condizioni delle norme dettagliate per l'accesso a tali dati, informazioni, capacità e servizi, e il quadro per lo scambio e la protezione di informazioni classificate.
  • L'accesso di paesi terzi o organizzazioni internazionali al servizio pubblico regolamentato fornito da Galileo è disciplinato dall'articolo 3, paragrafo 5, della decisione n. 1104/2011/UE del Parlamento europeo e del Consiglio 28 . 
Obiettivi: 

Gli obiettivi del programma sono:

 

Garantire che l'UE resti un leader mondiale nel settore spaziale;

  • garantire la continuità e l'evoluzione di Galileo, EGNOS e Copernicus, il più avanzato del mondo di localizzazione via satellite e di sistemi di osservazione della terra, la sicurezza e lo sviluppo di nuove iniziative in materia di comunicazione satellitare governativa (GOVSATCOM) e la sorveglianza dell'ambiente spaziale (SSA)

Favorire un'industria spaziale forte e innovativa

  • migliorare l'accesso al finanziamento del rischio per le PMI attive nel settore dello spazio, comprese le start-up innovative e nuovi modelli commerciali
  • partenariati per l'innovazione, accesso a strutture di prova e trasformazione, promozione della certificazione e della normazione

Mantenere l'accesso autonomo, affidabile ed economicamente sostenibile dell'UE allo spazio

  • aggregare la domanda dell'UE di servizi di lancio
  • investire nelle tecnologie innovative, quali i lanciatori riutilizzabili

Istituire un sistema di governance unificato e semplificato

  • un unico regolamento consentirà di razionalizzare e semplificare la cooperazione tra tutti gli attori istituzionali
  • la Commissione in quanto gestore del programma, definisce le priorità e le decisioni operative
  • l'Agenzia Spaziale europea, grazie alle sue competenze ineguagliate, rimane il partner proncipale per l'attuazione del programma
  • l'Agenzia dell'UE per il programma spaziale sosterrà la diffusione sul mercato e svolgerà un ruolo di maggiore rilievo nell'accreditamento di sicurezza.
Beneficiari: 
Finanziamento: 

La Commissione ha proposto di stanziare 16 miliardi di € per il periodo 2021-2027 come segue:

  • 9,7 miliardi di € per i programmi Galileo e EGNOS, i sistemi globali e regionali di navigazione satellitare dell'UE - Tali risorse consentiranno la prosecuzione degli investimenti nelle operazioni e nelle infrastrutture per completare e mantenere la costellazione, lo sviluppo di un segnale di precisione migliorato e il sostegno alla commercializzazione di servizi di navigazione satellitare che potranno essere utilizzati per gli autoveicoli autonomi e collegati, l'Internet delle cose, gli smartphone o la gestione del traffico.
  • 5,8 miliardi di € per Copernicus, il programma dell'UE dedicato all'osservazione della Terra - Ciò consentirà di mantenere l'autonomia e la leadership dell'UE in materia di monitoraggio ambientale di alta qualità, gestione delle emergenze e sostegno alla sicurezza marittima e delle frontiere. Le nuove missioni Copernicus che riguardano, ad esempio, il monitoraggio del CO2, consentiranno all'UE di diventare un leader tecnologico nella lotta contro il cambiamento climatico, in linea con gli impegni assunti nel quadro dell'accordo di Parigi. I servizi di accesso alle informazioni e ai dati di Copernicus (DIAS) consentiranno alle PMI e alle start-up di utilizzare più facilmente i dati Copernicus e di sviluppare applicazioni innovative.
  • 500 milioni di € per lo sviluppo di nuovi componenti di sicurezza - Il nuovo programma spaziale migliorerà le prestazioni e l'autonomia della sorveglianza dell'ambiente spaziale (SSA) che contribuisce a evitare collisioni nello spazio e a monitorare il rientro degli oggetti spaziali nell'atmosfera terrestre. Si occuperà inoltre dei rischi spaziali connessi alle attività del sole, di asteroidi o comete che rappresentano un pericolo per le infrastrutture fondamentali.Una nuova iniziativa di comunicazione satellitare per scopi governativi (GOVSATCOM) fornirà agli Stati membri un accesso a comunicazioni satellitari sicure, che è affidabile, sicuro ed efficiente sotto il profilo dei costi, nonché un sostegno alle forze dell'ordine responsabili della protezione delle frontiere, alle comunità diplomatiche o alla protezione civile e agli interventi umanitari.
Altre scadenze: 
Durata: 

2021-2027

Documentazione: 

Brochure in Italiano

Proposta di regolamento del Programma Spaziale europeo

 

Tipo programma: 
2021-2027