Semestre europeo di primavera: la Commissione formula le raccomandazioni specifiche paese per una risposta coordinata alla pandemia

Gli orientamenti di politica economica delineati dalla Commissione nel contesto della pandemia di coronavirus puntano, nel breve termine, ad attenuare le gravi conseguenze socioeconomiche negative della pandemia di coronavirus e, nel breve-medio termine, a realizzare una crescita sostenibile e inclusiva che favorisca la transizione verde e la trasformazione digitale.

Nell’ambito del Semestre europeo di primavera, la Commissione ha formulato le Raccomandazioni Specifiche Paese che, nel riprendere l’obiettivo della Strategia annuale per la crescita sostenibile, ne accentuano la crucialità nell’attuale quadro di crisi pandemica.
Rispetto all’obiettivo della  “promozione della sostenibilità competitiva per costruire un'economia al servizio delle persone e del pianeta” la Commissione  raccomanda  di tenere in considerazione quattro dimensioni:

  • stabilità;
  • equità;
  • sostenibilità ambientale;
  • competitività,

e di porre in essere interventi per l'investimento nella sanità pubblica e la resilienza del settore sanitario, il mantenimento dell'occupazione mediante il sostegno al reddito dei lavoratori colpiti, l'investimento nelle persone e nelle competenze, il sostegno all'imprenditoria (in particolare le piccole e medie imprese) e la lotta contro la pianificazione fiscale aggressiva e il riciclaggio.
La Commissione àncora, nelle proprie raccomandazioni, la ripresa economica alla trasformazione digitale e alla transizione verde che devono diventare il volano per la ripresa socioeconomica dopo la crisi senza precedenti del COVID 19.
A riguardo sono significative le dichiarazioni del Vicepresidente esecutivo per Un'economia al servizio delle persone, Valdis Dombrovskis"Come lo schianto di un asteroide, il coronavirus ha scavato un cratere nell'economia europea. Quest'anno abbiamo riorientato il pacchetto di primavera del semestre europeo, semplificandolo per dare agli Stati membri una bussola che permetta loro di navigare nella tempesta. Nell'immediato la nostra priorità sono gli investimenti nella sanità pubblica e la tutela dell'occupazione e delle imprese. Ora che andiamo verso la ripresa, il semestre risulterà essenziale, delineando un approccio coordinato per riportare le economie europee sulla strada della crescita sostenibile e inclusiva: nessuno dev'essere lasciato indietro. Abbiamo bisogno anche di riforme per migliorare la produttività e il contesto imprenditoriale. Non appena le condizioni lo consentiranno, dovremo trovare un equilibrio tra il conseguimento della sostenibilità di bilancio e lo stimolo degli investimenti."
Tra le raccomandazioni formulate all’Italia, la Commissione auspica che per il 2020 e il 2021 l'adozione di provvedimenti per:

  1. attuare, in linea con la clausola di salvaguardia generale, tutte le misure necessarie per affrontare efficacemente la pandemia e sostenere l'economia e la successiva ripresa; quando le condizioni economiche lo consentano, perseguire politiche di bilancio volte a conseguire posizioni di bilancio a medio termine prudenti e ad assicurare la sostenibilità del debito, incrementando nel contempo gli investimenti; rafforzare la resilienza e la capacità del sistema sanitario per quanto riguarda gli operatori sanitari, i prodotti medici essenziali e le infrastrutture; migliorare il coordinamento tra autorità nazionali e regionali;
  1. fornire redditi sostitutivi e un accesso al sistema di protezione sociale adeguati, in particolare per i lavoratori atipici; attenuare l'impatto della crisi sull'occupazione, anche mediante modalità di lavoro flessibili e sostegno attivo all'occupazione; rafforzare l'apprendimento a distanza e il miglioramento delle competenze, comprese quelle digitali;
  1. garantire l'effettiva attuazione delle misure volte a fornire liquidità all'economia reale, in particolare alle piccole e medie imprese, alle imprese innovative e ai lavoratori autonomi, ed evitare ritardi nei pagamenti; anticipare i progetti di investimento pubblici maturi e promuovere gli investimenti privati per favorire la ripresa economica; concentrare gli investimenti sulla transizione verde e digitale, in particolare su una produzione e un uso puliti ed efficienti dell'energia, su ricerca e innovazione, sul trasporto pubblico sostenibile, sulla gestione dei rifiuti e delle risorse idriche e su un'infrastruttura digitale rafforzata per garantire la fornitura di servizi essenziali;
  1. migliorare l'efficienza del sistema giudiziario e il funzionamento della pubblica amministrazione.

Per saperne di più:  domande e risposte
 

AllegatoDimensione
PDF icon Raccomandazioni specifiche - Italia76.12 KB